E-news letter Novembre – Dicembre 2014

Mostra

BHUTAN: A JOURNEY BEYOND THE SKY

Con il patrocinio dellUniversità Ca Foscari – Venezia

Dopo l’enorme successo della mostra Nepalese Shamanic Art, che ha accolto più di 15000 visitatori, ICI Venice – International Cultural Institute inaugurerà, il 6 dicembre 2014, l’esposizione Bhutan: A journey beyond the sky. ICI Venice Magazzino del Caffe Venezia Bhutan BHOUTAN ca foscari Fornasetti flyer Il nucleo della mostra è rappresentato dalla proiezione di diapositive inedite e dal film documentario Bhoutan: un petit pays possedé du ciel, realizzato nel 1972 dai due documentaristi francesi Anne e Ludovic Segarra insieme ad una selezione di arte etnografica bhutanese. Come già reso esplicito, volontà primaria di ICI é quella di produrre esposizioni di arte etnografica che cerchino e creino un dialogo costante con la contemporaneità e il patrimonio locale. Per la mostra Bhutan: A journey beyond the sky la scelta curatoriale si ramifica attorno due temi: da una parte la volontà é quella di mettere in luce il lungo processo antecedente la realizzazione del film documentario, processo che detterà le linee guida della scenografia; dall’altra parte la scelta del commissario scientifico, François Pannier, di dare particolare rilievo alla tradizione tessile bhutanese, esponendo una collezione di tessuti rari proveniente dalla Gran Bretagna; una scelta quest’ultima, che richiama inevitabilmente le grandi case tessili veneziane come Bevilacqua, Rubelli, Fortuny, etc… Lo spazio, il Magazzino del Caffè, si trasformerà; casse da viaggio e bauli, un vecchio proiettore a mano con rare diapositive scattate durante le riprese del film, tessuti incredibilmente rari e pregiati, e la proiezione del film documentario Bhutan: un petit pays possedé du ciel creeranno l’atmosfera necessaria per accompagnare il visitatore alla scoperta di questo piccolo Stato, tanto lontano quanto incredibilmente affascinante ai nostri occhi. Per questa nuova avventura ICI ha deciso di creare una sinergia fra una delle sette arti del Bhutan, quella tessile appunto, e il design contemporaneo italiano di fama internazionale Fornasetti Milano, integrando alla scenografia pannelli ricoperti dalla carta stampata Nuvole. Titolo: “Bhutan: A journey beyond the sky” Date: 6 dicembre 2014 – 1 marzo 2015 Luogo: ICI – Magazzino del Caffè, Santa Croce 923 | 30135, Venezia Contatti: +39 041720507 – info@icivenice.com Con il patrocinio dell’Università Ca’ Foscari – Venezia Con il sostegno di: Fornasetti, Cole and Son, Alliance Française di Venezia, Galleria Le Toit du Monde – Parigi, Merchant of Venice.   CURATORI ICI – Istituto Culturale Internazionale : Olivier Perpoint, Chi Phan, Mariarosaria Fogliaro, Martina Masini, Francesca Salvi, Hélène Touzé, Chantal Valdambrini. François Pannier – Commissione scientifica / Esperto di arte etnografica Anne Segarra – Rappresentante dell’Archivio “Anne e Ludovic Segarra”   ORGANIZZATORI ICI – Istituto Culturale Internazionale – Venezia, Italia. Archivio Anne e Ludovic Segarra – Parigi, Francia. www.icivenice.com Con la partecipazione di: Le toit du Monde – François Pannier Galleria di arte etnografica himalayana a Parigi. www.letoitdumonde.com ICI – Magazzino del Caffè – MAPPA FREE ADMISSION – 10:30 am – 06:30 pm from Friday to Sunday ICI – Magazzino del Caffè – Campo San Simeon Grando – Rio Marin – Santa Croce 923 – Venezia http://www.icivenice.cominfo@icivenice.com – tel. +39 041 720507

Oltre la mostra :

Presentazione del film documentario Bhoutan: un petit pays possédé du ciel

29 novembre 2014 – ore 18:30

Alliance Française di Venezia – Casino Vernier

Presenta Veronique Prost – Auditorium del Museo Guimet – Parigi

Presentazione del film documentario Bhoutan: un petit pays possédé du ciel

05 dicembre 2014 – ore 17:30

ICI – Magazzino del Caffè – Santa Croce 923 – Venezia

Presenta Alain Carou – Dipartimento dell’audiovisivo della BNF – Bibliothèque Nationale Française

17 dicembre 2014 – ore 17:00

Incontro tenuto dal prof.re Fabian Sanders dell’Università Ca’ Foscari di Venezia, sugli aspetti storici e culturali dell’Himalaya con una particolare attenzione al Bhutan.

ICI – Magazzino del Caffè – Santa Croce 923 – Venezia

17 gennaio 2014 – (orario da decidere)

Incontro con il prof.re Stefano Peggiora dell’Università Ca’ Foscari di Venezia su “Il Bhutan oggi e il suo ruolo chiave nella geopolitica himalayana”.

ICI – Magazzino del Caffè – Santa Croce 923 – Venzia

Febbraio 2015 – (data ed orario da decidere)

Conferenza sul “Viaggio” in cooperazione tra l’Associazione “Amici del Bhutan”, il prof.re Stefano Beggiora e la scrittrice Franca Rizzi Martini, con presentazione del libro “Il barattolo di mandorle. Una donna in viaggio intorno all’Himalaya”.

ICI – Magazzino del Caffè – Santa Croce 923 – Venezia

Febbraio 2015 – (data ed orario da decidere)

Dialoghi sul tessuto dai tessuti del Bhutan a quelli veneziani

ICI – Magazzino del Caffè – Santa Croce 923 – Venezia

Presenta Marina Majcen – artista, professoressa ed esperta di tessuto

Febbraio 2015 – (data ed orario da decidere)

Laboratorio gratuito per bambini sul Teatro delle Ombre.

ICI – Magazzino del Caffè – Santa Croce 923 – Venezia

Condotto da Associazione Macinapepe – Compagnia di Ombre

BHUTAN : A JOURNEY BEYOND THE SKY

Nel dicembre del 2012, ICI ha organizzato la prima mostra sul Bhutan presso la galleria d’arte Le 5 Opéra – Compagnies du Monde a Parigi. Per la produzione di questa prima esposizione parigina vennero esposte, oltre alla proiezione delle diapositive fatte durante le riprese del film documentario “Bhoutan: un petit pays possédé du ciel” di Anne e Ludovic Segarra e una serie di maschere e oggetti etnografici bhutanesi di incredibile bellezza e prestigio.

Il DOCUMENTARIO

BHOUTAN: UN PETIT PAYS POSSÉDÉ DU CIEL

Il 1972 è una data molto importante nella storia del Bhutan poiché il paese vide una prima apertura al turismo e ai visitatori stranieri.

Il terzo re del Bhutan, Jigme Dorji Wangchuck, morì a Nairobi e suo figlio, Jigme Singye Wangchuck, ascese al trono all’età di diciassette anni, portando avanti la politica di apertura inaugurata dal padre.

Grazie a questa iniziale apertura, ad una politica proiettata verso il futuro, al buddismo impregnato in ogni settore e all’indizione della Giornata Nazionale della Felicità e delle Culture, il Bhutan ha avuto un enorme sviluppo.

Anne e Ludovic Segarra, nel 1972, consapevoli dei repentini cambiamenti che stavano per accadere, richiesero al giovane regnante l’approvazione per l’inizio delle riprese del documentario che, dopo circa due anni di negoziazioni, accettò.

Il documentario presentato è stato girato da Anne e Ludovic Segarra nel 1975 ed è una delle massime testimonianze della così profonda fase di cambiamento del Bhutan.

Dopo più di 30 anni, questo documentario permette una sottile visione dell’evoluzione del Paese per chi lo conosce o per chi lo va a scoprire in un prossimo viaggio.

Il BHUTAN É COME UN SOGNO

LUDOVIC SEGARRA – 2004

Troppo tempo è passato.

Per oltre 30 anni, io e mia moglie, il mio amico Stephan alla camera e Lucie al suono, abbiamo viaggiato in tutto il paese.

Questo film… è la nostra giovinezza… è la mia giovinezza.

Gli eventi del ’68 con quelle domande e quella ricerca di significato…

E sia la destra che la sinistra dell’Occidente con gli occhi fissi sul futuro…

E poi arriviamo in Bhutan, esattamente nella corte di un grande monastero a Thumphu, dove assistiamo ad uno spettacolo liturgico in onore di Padma Sambava, il Guru Rimpoche.

Uno shock.

Un tuffo nel passato…

Quella cerimonia… fu come rivivere il Medioevo Cristiano di fronte alle imponenti cattedrali.

E anche dopo tutto questo tempo passato?

Ho tuttora nella mia testa, tutti gli incontri, gli sguardi, il senso di dolcezza e anche una rara sensazione…l’espressione di una profonda coerenza, dove tutto è mescolato ed incontra la natura e l’uomo.

Paesaggi, architetture e case Dzongs, i colori e i motivi delle vesti e dei tessuti, una mano nel momento dello scocco di una freccia, un’altra che disegna nell’aria con una spada, un piede danzante prima dell’uscita delle maschere e alcuni piedi che comprimono grano…

Qualsiasi cosa qui è sia fisica che spirituale…

Quest’incontro… questo shock ha condizionato tutti i miei lavori fino ai giorni presenti.

Noi uomini abbiamo il dovere di raccogliere ogni tesoro dell’umanità prima che sia troppo tardi, poiché queste rare testimonianze sono l’espressione del compendio fra l’uomo e ciò che lo circonda.

Ogni attività è sia fisica che spirituale qui.

Il Bhutan, per come l’abbiamo scoperto, è per me l’espressione, non individuale, ma collettiva di questo compendio.

Questo è quello che ho sentito.

Questo è quello che ho cercato di descrive con mia moglie Anne, la quale l’ha trovato come: un piccolo stato posseduto dal cielo.

Ludovic Segarra 1948 – 2007

Publicités

Laisser un commentaire

Entrez vos coordonnées ci-dessous ou cliquez sur une icône pour vous connecter:

Logo WordPress.com

Vous commentez à l'aide de votre compte WordPress.com. Déconnexion / Changer )

Image Twitter

Vous commentez à l'aide de votre compte Twitter. Déconnexion / Changer )

Photo Facebook

Vous commentez à l'aide de votre compte Facebook. Déconnexion / Changer )

Photo Google+

Vous commentez à l'aide de votre compte Google+. Déconnexion / Changer )

Connexion à %s